Rock Impressions

Lunar Chateaux LUNAR CHATEAUX - Beyond the Reach of Dreams
Musea

Ritorno, a sette anni di distanza dal debut album, di questo gruppo americano dal nome molto suggestivo, composto dai tre fratelli Sekulovich.

Il disco parte molto bene col brano "Olympus Mons", un prog epico incentrato sulle tastiere, dalla struttura quasi pomp, ma il brano successivo "Far From Home" è molto più deludente. Pur mantenendo una struttura a cavallo fra il pomp e il prog arioso di scuola Yes e Genesis, incomincia a mostrare i limiti della formazione che usa molto bene le tastiere, mentre trovo praticamente inascoltabili le parti di batteria elettronica. "Consequences" chiama in causa addirittura Alan Parson nella costruzione delle linee vocali, che risultano abbastanza gradevoli e come nel caso precedente il brano è sostenuto dalle tastiere. In "Solange in Rio" si possono apprezzare anche il basso e la batteria e il brano ha finalmente un incedere interessante. La traccia che da il titolo all'album è una suite di tre parti oniriche e vagamente ambient.

La musica di questo band si muove con destrezza fra passaggi delicati ad altri dinamici, ma mai aggressivi e il tastierista è decisamente bravo, però il risultato finale non mi convince del tutto. GB



Indietro alla sezione L

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live |