Rock Impressions

.
******* OVER THE TOP *******
.
Messenger - Threnodies MESSENGER - Threnodies
Inside Out
Distribuzione italiana: Spin Go!
Genere: Hard Rock / Progressive
Support: CD - 2016


I Messenger sono un gruppo inglese formatosi nel 2012 e questo è il loro secondo album, nonostante questo hanno già raccolto molti consensi e i loro sforzi sono già stati premiati con una serie impressionante di riconoscimenti importanti. Le coordinate in cui si muovono sono quelle del prog, con un taglio molto moderno, ma nel loro sound troviamo anche tanto hard rock e tanta psichedelia, tutto mescolato alla perfezione. Con queste credenziali la Inside Out ha pensato bene di metterli alla svelta sotto contratto. Ma la storia di questa band è ancora tutta da scrivere.

Il brano di apertura è “Calix” e subito veniamo calati in un’atmosfera onirica insolita, con una batteria incalzante e suoni molto psichedelici, però il brano cambia velocemente assumendo presto una complessità ritmica inaspettata. A metà brano il ritmo diventa incontenibile, sopra un cantato in controtendenza, quasi sognante, il contrasto mette i brividi, il finale è tutto un crescendo. “Oracles of War” propone un mix di Black Sabbath, Deep Purple, King Crimson e Pink Floyd, pezzo violento e spietato, ma con un titolo del genere non poteva essere diverso. Ancora una volta sono brividi grossi fino all’ultima nota. “Balearic Blue” è più psichedelica, le melodie vocali sono sognanti, come anche le chitarre, anche se la struttura ritmica è solida e a tratti cattiva, del resto è un po’ che il gruppo gioca coi contrasti e gli vengono assai bene. “Celestial Spheres” è un brano che richiede più ascolti, entra più lentamente dei primi, alterna parti più lente ad altre veloci e dure, lo fa con scioltezza, ma riesce lo stesso a sorprenderci per impatto e sound. Certe impennate non lasciano indifferenti e ancora una volta il meglio è alla fine con un sound virile che ammutolisce l’ascoltatore. “Nocturne” è una ballata che per certi versi mi ricorda “Starless” dei King Crimson, non perché le assomiglia, ma perché mi ha emozionato allo stesso modo. La melodia è stupenda, l’intensità della parte dura è da pelle d’oca, se non vi emozionate con questo pezzo credo che abbiate sbagliato recensione. “Pareidolia” è il brano che più di tutti ricorda i Pink Floyd, anche in questo caso nessuna citazione vera e propria, ma stesse vibrazioni calate in una struttura epica e solenne, che verso il finale non mancherà di far rivivere emozioni forti a tutti gli orfani del fluido rosa. Per chiudere troviamo il pezzo più psichedelico del lotto, “Crown of Ashes” è una ballata stralunata, in cui non è facile entrare, ma pian piano il suo andamento dondolante cattura l’ascoltatore e lo carezza con una precisione ancora una volta insospettata.

Che disco! Segnatevi questo nome e se potete procuratevi l’album, perché di opere come questa ne escono davvero poche. Mi piace vedere che questo disco è uscito molto vicino a quello degli Haken, la scena prog inglese sembra essersi risvegliata e che risveglio. GB

Sito Web




Flash Forward Magazine

Indietro a Ultime Recensioni


Indietro alla sezione M