Rock Impressions

Uncledog - Russian Roulette UNCLEDOG - Russian Roulette
Vrec
Distribuzione italiana: Davvero Comunicazione
Genere: Hard Rock
Support: CD - 2014


Disco di debutto dei padovani Uncledog, un quintetto che si sta facendo strada anche a livello internazionale, grazie ad un sound potente e melodico, che ha catturato l’attenzione di diversi operatori del mondo musicale, non a caso il disco è stato mixato in Colorado da Rich Veltrop e ha avuto come sound engineer Pietro Foresti (Tracii Guns, Scott Russo). Il precedente Ep della band, uscito nel 2011 era stato realizzato in California con l’aiuto di Sylvia Massy (Black Crowes, RHCP, Tools), poi un tour europeo e intanto la band è cresciuta ed eccola con la prova sulla lunga distanza.

L’inizio è affidato alla grintosa “Always Updated”, dominata da un incedere stoppato e ondeggiante di buona presa, non è il brano più immediato del disco, ma ha carattere e mostra una band dal sound non convenzionale. “Shiver” è il singolo estratto dal disco, più immediata della precedente, infatti punta più sulla melodia, però conserva grinta e spessore. Ci sono diversi elementi nel sound di questi ragazzi, una corrente che è partita a metà anni ottanta coi Cult di Electric, che è poi proseguita con Placebo e Him, fino ad arrivare ai giorni nostri, un hard rock ad alto tasso di energia e al tempo stesso di melodia e il risultato è sicuramente coinvolgente. Ecco allora l’anthemica “Follow the Sound” che fuoriesce dallo stereo con grande vitalità. “Starry Cloud” è una ballata di buona fattura, che media melodia ed energia in dosi ben equilibrate, però non mi convince molto la pronuncia inglese. B side del singolo è “Roussian Roulette”, altro buon esempio delle capacità di questa band, che riesce ancora a rimescolare gli ingredienti di cui abbiamo parlato con sufficiente originalità. Il resto del disco si mantiene sempre su buoni livelli, non ci sono cali di tensione e la band risulta convincente.

Buon esordio per gli Uncledog, che dal vivo devono essere molto piacevoli da ascoltare, l’alchimia tra loro è buona, anche se dovremo vedere sulla lunga distanza se avranno il carattere necessario per mantenere le buone promesse nel sempre competitivo e sempre più spietato panorama musicale di oggi. GB




Flash Forward Magazine

Indietro a Ultime Recensioni

Indietro alla sezione U