Rock Impressions

Beledo - Dreamland Mechanism BELEDO - Dreamland Mechanism
Moonjune Records
Distribuzione italiana: -
Genere: Fusion / Prog
Support: CD - 2016


Beledo è uno di quegli artisti che la Moonjune tira fuori dal cappello come un abile prestigiatore. Di origini uruguaiane, oggi vive a New York ed è da poco entrato nel gruppo prog Circuline. Polistrumentista, suona il piano, la chitarra, il violino, il basso fretless e altro. La sua carriera è lunga e in patria è molto amato, inoltre ha collaborato con tantissimi artisti, tra cui anche il nostro Mauro Pagani.

A questo suo album solista hanno contribuito nomi di tutto rispetto, come il batterista Gary Husband, il chitarrista Dewa Budjana e il bassista Lincoln Goines. Il genere proposto spazia dal jazz al prog, quindi c’è molta fusion, anche se il termine potrebbe fuorviare, perché la struttura compositiva dei brani è abbastanza personale e si discosta dalla fusion più classica.

L’impianto dei brani è solido, con ritmiche definite e molto incalzanti, anche se decisamente jazzate. Husband è una macchina da guerra e l’intesa col bassista è perfetta. Sulla solidità della sezione ritmica vengono costruiti gli assoli, che si lanciano in corse spericolate e al tempo stesso molto fluide e godibili. Beledo è davvero pieno di talento, che suoni con la chitarra, le tastiere o il violino, riesce sempre ad emozionare. Basta ascoltare l’iniziale “Mechanism” per rendersi conto di quanto ci sappia fare. Ma non voglio perdermi in un track by track, ogni singola traccia di questo cd è come un pezzo di puzzle che compone un quadro, che svela la propria bellezza ascolto dopo ascolto.

Come sempre Moonjune vuol dire altissima qualità e anche questa volta non resterete delusi. GB

Sito Web




Flash Forward Magazine

Indietro a Ultime Recensioni


Indietro alla sezione B