Rock Impressions

Blind Guardian BLIND GUARDIAN - Live 2003

I Blind Guardian sono l'unico gruppo che negli anni 90 ha saputo rileggere e ampliare un genere, l'heavy metal classico che sembrava ormai già esplorato in tutte le sue parti, grazie a dischi formidabili come Imaginations From The Other Side e Nightfall in the Middle Heart.
Tanto bravi su disco i nostri hanno sempre faticato a ripetersi nelle esibizioni dal vivo (difficile dimenticare la delusione della prima volta che li vidi live a supporto di Imaginations).
Consci di questo limite negli ultimi anni la band ha lavorato molto in questo senso aggiungendo nelle loro esibizioni live un bassista e un tastierista, che non compaiono nella formazione ufficiale.

Una crescita tecnica dei “titolari” ha fatto il resto; ora Hansi Kürsch finalmente canta e non rantola, mentre tutta la band si è compattata appoggiandosi al drumming forsennato di Thomen Stauch. Li ricordo l'anno scorso al Wacken Open Air Festival, dove fecero veramente uno show maiuscolo e metallico, una vera mazzata ai miei vecchi pregiudizi.

Questo doppio dal vivo, quindi, rivaluta il lavoro in studio della band supportata da un pubblico al limite del delirio, che spesso copre la musica con forsennati cori da stadio. Era tempo che non sentivo un disco dal vivo veramente capace di restituire l'atmosfera live, inoltre non ci sono ritocchi in studio ed è questa la formula vincente di queste registrazioni prese un po' da tutta Europa (Italia compresa of course).

La scaletta è bilanciata tra vecchi e nuovi brani e l'acustica “The Bard Song” raggiunge il picco più alto di coinvolgimento, essendo praticamente cantata solo dal pubblico, da pelle d'oca niente da aggiungere.

Live auto celebrativo si, ma intenso come pochi, irrinunciabile per i vecchi fans e un buon punto di partenza per gli altri (ma c'è qualcuno che ancora non li conosce?). MF



Indietro alla sezione B

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live |