Rock Impressions

Provenance PROVENANCE - Still at Arms Lenght
Scarlet

Si possono mischiare Gothic, Prog e Black Metal? E' difficile dirlo ma l'opera seconda dei Provenance sembra riuscire in questa impossibile alchimia. La Svezia ci regala una nuova grande sensazione e si dimostra terreno sempre più prolifico di talenti.

Questo disco riunisce in se tante idee espresse con convinzione e proprietà tali da renderlo apprezzabile dai seguaci di generi molto lontani fra loro. "Climbing Ideas" apre in modo egregio l'album con un intro sontuoso dove i riffs di chitarra si sovrappongono creando un impatto avvolgente irresistibile, poi il brano assume una struttura metal di spessore, ma senza esagerare, il cantato growl si alterna a quello femminile riprendendo una formula ben sperimentata. "Tearful, Bitter, Broken" continua l'esplorazione dei meandri metallici, con un incedere rabbioso e un cantato femminile da sabba dannato. "Carousel Of Descend" è la prima vera sorpresa, le chitarre si fanno oniriche e la sezione ritmica rallenta, poi entra un flauto in pieno stile Jethro Tull, è un mix di influenze di grande valore! "The Ardbeg Experience" è un brano mellifluo in puro stile prog, vagamente psichedelico e molto onirico, le chitarra sono dolci e la sezione ritmica accarezza l'ascoltatore, qua e la compare ancora un flauto stregato, ancora una grande prova. Da questo punto il disco si adagia sui risultati conseguiti e sviluppa le idee approfondendole, in particolare ho apprezzato la complessità delle atmosfere apocalittiche di "World Of Hurt", mentre "At Arms Length" chiude alla grande riproponendo tutti gli elementi che hanno cosparso questo incredibile CD.

Questo disco è la prova che c'è ancora spazio per la creatività in generi musicali che sembravano quasi esauriti, evidentemente non era così. GB

Altre recensioni:
How Would You Like to Be Spat At



Indietro alla sezione P

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live |