Rock Impressions

The Heart and the Void - Like a Dancer The HEART and the VOID - Like a Dancer
Selfproduced
Distribuzione italiana: -
Genere: Folk Rock
Support: mCD - 2013


Enrico Spanu è un folk singer sardo che si presenta con questo singolo, dopo essersi fatto notare live in diversi locali e concorsi della sua bella terra. Il suo stile è essenziale, come nella migliore tradizione folk, si deve pensare in particolare a quella americana nata negli anni ’60, con artisti come Bob Dylan e Joan Baez. Allora c’era un forte coinvolgimento politico, oggi Spanu cerca un approccio più intimo e personale e offre brani riflessivi e malinconici, dominati principalmente dalla sua chitarra e dalla sua voce.

Questo singolo è composto da quattro brani ed è idealmente diviso in due parti, con i primi due brani che vedono la collaborazione di due musicisti, Francesco Tocco al rullante e Marco Orrù alle tastiere. “For a Little While” è una ballata in cui si riconoscono immediatamente le radici “americane” del sound di Enrico, la melodia è splendida e il nostro ha una voce perfetta per il suo genere, pulita e molto melodica, il connubio è veramente gradevole. “The Morning After” è decisamente malinconica, una tristezza che solo la voce gentile di Enrico riesce a stemperare in un canto che si fa poesia. Anche “Empty House” è molto americana e quasi vengono dei dubbi sulla provenienza geografica del disco, Spanu deve proprio essere cresciuto a pane e musica made in USA, ma la sua rilettura è assolutamente credibile. Ancora tanta poesia con la finale “When Winter Ends”, un’altra melodia toccante, dove Spanu infonde tutta la sua sensibilità, amplificata dal minimalismo di una chitarra e una voce, ma quanta emozione.

Un piccolo disco, un piccolo gioiello, da una terra tanto bella quanto generosa. GB




Flash Forward Magazine

Indietro a Ultime Recensioni

Indietro alla sezione T

 

Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | Facebook | MySpace | Born Again |