Rock Impressions

Pierpaolo Bibbò - Genemesi PIERPAOLO BIBBO' - Genemesi
M.P. Records
Distribuzione italiana: G.T. Music Distribution
Genere: Prog
Support: CD - 2012


Bibbo’ torna e si concede al pubblico in maniera eclatante, mettendo a nudo la sua anima. Prima di addentrarmi nell'importante argomento spirituale trattato in "Genemesi", è giusto presentare a voi il cantautore progressivo Pierpaolo Bibbò e quello che è riuscito a raccontare nel suo breve excursus musicale post vintage. A volte scaturiscono idee giuste in momenti sbagliati, fatto è che il cantautore sardo Pierpaolo Bibbò nel 1980 se ne esce con "Diapason" (La Strega Records - 1994 ristampa Mellow Records), un disco dalla profonda radice Prog, quella oscura proveniente da un frammento del DNA dei Van Der Graaf Generator, senza raccogliere il giusto merito, solo per colpa di un mutamento sociologico e musicale dove il "logorroico" Prog eclissa a favore di febbri del sabato sera e Punk. In realtà un disco interessante dai buoni spunti, per un pubblico amante del Synth, sia di nicchia che del Rock.

Bibbò in precedenza, precisamente nel 1977, ha già inciso due 45 giri a nome Distilleria M.B. assieme a Giampiero Melosu, ma qui lo stile è differente, siamo in ambito Country Rock. Non esulano collaborazioni con artisti anche locali come Benito Urgu e poi i Banda Beni, Giulio Manera, Gruppo 2001, Tony Galbiati, I Serpentoni ed altri ancora.

Dopo l'esperienza "Diapason", nel 1982 entra per un anno nella band Sardana poi rinominatasi Segno , realizzando un 45 giri dal titolo omonimo. Segue un Q Disc nel 1984 ("Anninnora") per poi proseguire la carriera musicale come arrangiatore e compositore per musicisti a venire. Passano dunque ben 32 anni da quel debutto discografico, oggi è la volta di "Genemesi", mix fra Genesi e Nemesi, un album composto da otto nuove canzoni sempre in stile Progressive Rock.

L'argomento trattato nell'album è profondo, personale e teologico, seppure visto dal lato umano del non credente (che comunque ha letto le Sacre Scritture), di colui che è semplicemente alla ricerca di un Dio, ma che non sia obbligatoriamente fatto a nostra immagine e somiglianza in quanto noi umani imperfetti.

"Il Viaggio" inizia con vigore ed elettricità Rock, quella della chitarra di Fabio Orecchioni, il percorso musicale, dove si sfiora anche l'essenza del Metal. Ma è la melodia ad avere ragione, fra suoni caldi di basso e programming. Tutto questo porta all'adiacente "Fratello", dove un arpeggio di chitarra ricorda delicati passaggi vintage, mentre l'autore si confida e confessa il suo non credo, sentendosi per il prossimo un ipotetico fardello. Bello il breve finale strumentale e qui il Prog di matrice italiana si evince in modo palese, dedito a quelle fughe strumentali care a band come le Orme, per intenderci.. Subentra dunque "Metastasi D'Autunno", canzone dal riff elettrico e una buona energia, grazie anche al violino di Luca Agnello. Da menzionare il fatto che nel disco la batteria è programmata, questo per coloro che non amano il suono campionato, anche se in realtà è ben realizzato, personalmente non lo vedo come un limite, piuttosto una gestione di comodo in quanto soluzioni programmate si affacciano anche non in ambito ritmico.

Suoni moderni, elettronici, piccole schegge di Battiato colgono l'ascolto in "L'Osservatore Indifferente", impreziosito dalla voce profonda di Silvia Ciudino, proprio a conferma del buon uso del Programming.

Ancora importanti considerazioni nella Rock "Deus Ex Machina"....perché i limiti dell'uomo, per il cantautore sono il limite di Dio. "Creati A Immagine Della Tua Vanità" è strumentale, un gioco Prog collaudato nel tempo, con tutti i componenti del caso, dai cambi di ritmo alle tastiere in cattedra che si alternano a solo di chitarra. "L'Urlo Del Pesce Rosso" ha un significato profondo ed un solo di chitarra veramente da godere.

E Bibbò chiude con un importante domanda ed una esortazione, "Dio,chi è il tuo Dio? E chi lo giudicherà?", quindi "Padre rivela la mia ombra, fa che si possa alzare in volo fino a te".
Il grido di un non credente che vorrebbe fortemente credere, per godere di una serenità spirituale e mentale appagante, questo per un dare senso alla nostra breve esistenza, il tutto messo in musica per la mente.

Un disco fuori dai canoni, una musica semplice per chi già conosce profondamente il Prog, ma che comunque riesce sempre a regalare buone melodie ed emozioni. Un ritorno più che decoroso! MS


Indietro alla sezione B

Flash Forward Magazine

 

Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | MySpace | Born Again |