Rock Impressions

Albert Bouchard - Incantation ALBERT BOUCHARD - Incantation
Selfproduced
Distribuzione italiana: no
Genere: Rock
Support: CD
2014


Polistrumentista di vecchia data, Albert è stato motore pulsante dei mitici Blue Oyster Cult, dopo l’uscita dalla band ha fondato i Brain Surgeons, che hanno prodotto una decina di album piuttosto interessanti. Sciolti anche i BS sono arrivati i Blue Coupe, con in formazione il fratello Joe (anche lui ex BOC) e Dennis Dunaway (ex Alice Cooper band). Dopo tanto peregrinare ecco il suo “vero” primo disco solista, almeno quello che porta il suo nome, perché Imaginos doveva uscire col suo nome, ma questa è un’altra storia. Poi si contano decine di collaborazioni, in particolare con artisti della scena newyorkese, come il poeta David Roter e la regina del punk americano Helen Wheels. Dalla fine degli anni ’60 ad oggi Albert è sempre stato musicalmente impegnato e il suo contributo è sicuramente importante, anche se forse oggi il suo nome potrebbe essere poco ricordato. È quindi un grande piacere poter analizzare questo suo disco.

L’album è composto da dieci brani nuovi e due cover dei BOC in versione acustica poste a chiusura del cd. L’apertura è affidata a “Ghosts”, che ci cala subito in un climax misterico e intimista, è un brano acustico che recupera le atmosfere oscure dei BOC, ma è anche molto legato alla tradizione musicale americana, il mix è molto interessante, anche se forse non colpisce come un brano di apertura dovrebbe fare, ma è un gran pezzo. “Roadshow” è uno dei pochi brani elettrici del cd, un rock ‘n’ roll torrido, quasi desertico, non è particolarmente originale, ma la classe si sente. “Ravens” è una ballata malinconica, molto intimista, segue “Do You Believe in Me”, altra ballata un po’ più scanzonata. Sono due brani che mostrano il lato più vero di questo musicista, famoso per la scena hard rock, ma che ha un cuore a stelle e strisce. “Prayer (Light the Dark)” è un brano molto introspettivo, uno dei migliori del cd, con un testo che fa riflettere e una musica folk coinvolgente un po’ alla Dylan. Non molto distante “Trinity”, Albert in questo disco ha deciso di mostrare le sue “radici”. Altro brano molto USA è “Cry 3X”, sorta di country blues incalzante, Bouchard ci sa fare anche in chiave acustica, del resto lo aveva già dimostrato coi Brain Surgeons. “Voyeur (pt.1)” è un brano un po’ strano, il più inventivo del lotto, per questo interessante, un mandolino impertinente domina su un tappeto elettrico saturo. L’elettrica “Face Your Mirror” è molto americana, anche se non è scontata, e piacerà ai vecchi fans. Chiude “All Dreaming” un’altra incantevole ballata dal sapore notturno.

Le due cover sono “Career of Evil” e “Death Valley Nights”, i più esperti noteranno che le aveva rifatte anche coi Brain Surgeons, ma queste sono versioni molto diverse. La prima inizialmente è quasi irriconoscibile, la resa è ruvida nonostante la chiave acustica e la rende ancora più affascinante. Della seconda preferisco la versione fatta coi BS, ma anche questa è interessante, con un bel crescendo finale.

Bouchard ha messo insieme una bella collezione di brani, tutti molto diversi, alcuni sorprenderanno chi conosce il suo lato più ruvido, altri ne apprezzeranno la classe e l’integrità artistica, altri ancora potrebbero anche innamorarsi di questo artista che non ha mai fatto cose banali. GB

Sito Web

Artisti correlati: Blue Oyster Cult, Brain Surgeons, Blue Coupe; Stalk Forrest Group




Flash Forward Magazine

Indietro a Ultime Recensioni


Indietro alla sezione B



Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Art | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | Facebook | MySpace | Born Again |