Rock Impressions

Monjoie - And in Thy Heart Inurn Me MONJOIE - And in Thy Heart Inurn Me
Lizard
Genere: Prog
Support: CD - 2018


Nel mondo del prog è sempre più difficile trovare proposte originali, che si distinguono. Con questo non voglio sposare la tesi di chi dice che oggi il prog sia “regressive”, dico solo che per essere originali bisogna proprio impegnarsi. Oppure bisogna avere un qualche dono speciale. Questo è il mio primo approccio col progetto Monjoie, che dura da diversi anni, quindi al momento non conosco i loro lavori precedenti, ma questo mi ha veramente colpito. Anche se è vero che molti artisti non accettano di essere etichettati come prog, quello che un tempo era sinonimo di qualità di musica, di eleganza sonora e di ricerca sopraffina, oggi è diventato l’equivalente di una condanna ad un pubblico di stretti appassionati e foriero di valanghe di critiche di chi vorrebbe che tu suonassi in non si sa bene quale modo.

Questa band sfugge a tutte le regole e le caratterizzazioni, ho parlato di prog nel senso più alto, perché la loro ricerca sonora veramente merita questa qualifica. Il loro sound è personalissimo, ovviamente si possono trovare delle assonanze, immaginate se gli Smiths avessero incrociato i Genesis con un gusto neoclassico e una forte vena malinconica, che talvolta raggiunge anche territori propriamente dark. Tutto sorretto dalla voglia di fare musica piacevole da ascoltare, che privilegia belle melodie anche nei momenti più intensi. Ecco allora snodarsi quindici composizioni che suonano come poesie musicate di grande bellezza, con soluzioni armoniche davvero distintive.

Questo disco mi ha affascinato ed è molto probabile che per me sarà il disco dell’anno. GB


Indietro alla sezione M

 

Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Art | Chi siamo | Live | FTC | Facebook | Born Again |