Rock Impressions

Sunroad - Arena of Aliens SUNROAD
Arena of Aliens + Flying n' Floating
Avantage Records
Distribuzione italiana: no
Genere: Heavy Metal
Support: CD - 2003 + 2006
Sunroad - Flying n' Floating

Il Brasile è una terra poco conosciuta in ambito rock e metal, eppure abbiamo imparato a conoscere e ad amare formazioni come i Sepultura a dimostrazione che quel paese lontano non è privo di talenti, il fatto è che un gruppo brasiliano di musicisti rock deve faticare dieci, se non cento, volte di più di un mediocre gruppo anglosassone, prima di veder riconosciuti i propri sforzi e le proprie qualità. Noi italiani ne sappiamo qualcosa, perché anche le nostre formazioni hanno più o meno gli stessi problemi per emergere.

Fatte queste considerazioni, ho provato una grande soddisfazione quando nella casella della posta ho trovato i dischi di questo gruppo brasiliano da recensire. I Sunroad provengono da Goiania city in provincia di Goias (non chiedetemi dove sia) e si formano su impulso dei cugini Danillo Vee (chitarre) e Fred Mika (batteria), all’inizio erano un classico quartetto poi dopo i soliti cambi di formazione il gruppo diventa un quintetto. La prima release è un cd autoprodotto uscito nel 1999, che permette al gruppo di farsi apprezzare in zona, nel 2001 esce un Ep sempre autoprodotto. Altri cambi di formazione e si arriva finalmente al contratto con la Avantage Records, con una distribuzione internazionale, per la quale esce nel 2003 l’album Arena Of Aliens seguito nel 2006 dal nuovo Flying N’Floating che vede l’ingresso di un nuovo cantante nel gruppo.

La band propone un solido hard rock venato di blues e talvolta anche di trame quasi prog con testi di ispirazione cristiana. Arena of Aliens apre con un intro atmosferico che lancia il brano anthemico “Light Up, the Sky” che ricorda un po’ il metal americano degli anni ottanta, grande grinta e una buona tecnica alla ricerca di un sound personale. “Chains Must Be Hard” è più cadenzata e settantiana con delle linee vocali convincenti che ricordano certo Ronnie James Dio. Nella strumentale “The Amadeus Journey” emerge il lato più prog del gruppo. Questa varietà accompagna tutto il disco, tante buone idee e tanta determinazione, per un prodotto che tenta di competere con le produzioni internazionali, anche se l’impressione è che il gruppo abbia ancora bisogno di crescere, ma le premesse sono molto buone.

Come anticipato in Flying n’ Floating troviamo un nuovo cantante, ma è cambiato anche il chitarrista solista, mentre Akasio Angels, che suonava il basso e le tastiere, ora è passato alla chitarra ritmica e tastiere, quindi c’è anche un nuovo bassita, l’unico membro rimasto della formazione originale è il batterista e compositore Fred Mika. Tutti questi cambiamenti hanno fatto crescere il gruppo che si dimostra subito più competitivo e maturo. Il taglio compositivo è diventato più originale e se la matrice è sempre un metal ottantiano vitale ed energico, ora sono più presenti altri elementi come quelli prog (non fraintendetemi, non si tratta di un disco di progressive) negli arrangiamenti, il songwriting è più sicuro e vario. Cresciuta è anche la parte esecutiva e adesso il gruppo è pronto per competere a livello internazionale. Non male i testi, che si ispirano alla vita di tutti i giorni, o alla storia con riferimenti all’invasione europea, i riferimenti cristiani non sono diretti ed espliciti, ma vengono mediati e traspaiono solo da una lettura attenta.

I Sunroad portano una ventata di freschezza e di novità in un panorama ancora poco esplorato, ma che conta già molti artisti interessanti, quello del rock-metal cristiano e questi ragazzi brasiliani ne tengono alta la bandiera. GB

Altre recensioni: Long Gone

MySpace


Indietro alla sezione S
Indietro alle recensioni di Rock Not Roll

 

Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | MySpace | Born Again |