Rock Impressions

Anathema - Weather Systems ANATHEMA - Weather Systems
K-Scope
Distribuzione italiana: Audioglobe
Genere: Post Modern Prog
Support: CD - 2012


La copertina del nuovo disco degli Anathema è dominata ancora dal colore azzurro, come i due album precedenti, sicuramente questo vuole dire qualcosa, visto che la ricerca di questi artisti è studiata nei minimi dettagli, ma non posso dirlo con certezza. La produzione è stata affidata nientemeno che a Mr. Steven Wilson dei Porcupine Tree (proprio un nome a caso…), del resto sappiamo che è già in corso un sodalizio artistico fra questi artisti e quanto si ascolta fra i solchi di questo Weather Systems è una specie di cartina tornasole riguardo a quanto sta nascendo dalla loro collaborazione.

Il disco si apre con una canzone dolcissima e molto triste, “Untouchable Part 1”, che viene poi riproposta con un arrangiamento diverso subito dopo in “Untouchable Part 2”, una ballata intimista carica di malinconia, che prende ritmo man mano che il pezzo avanza e diventa sempre più elettrica e passionale, ad certo punto il cantato è particolarmente coinvolgente e penetrante, davvero bellissima, impossibile restare indifferenti. “The Gathering of the Clouds” è un’altra ballata, più solenne e meno coinvolgente, sembra quasi un brano neoclassico, molto elegante. “Lightning Song” parte minimalista, con un cantato rarefatto, poi dopo la metà il brano si impenna in un crescendo elettrico, l’ennesimo partorito dalla band. “Sunlight” è proprio un classico crescendo, non si capisce bene perché la band continui a riproporre la stessa struttura in quasi tutti i brani. “The Storm Before the Calm” gioca con sonorità elettroniche che aumentano il fascino del disco, non ci sono grandi scossoni, ma almeno ci sono idee nuove. “The Beginning and the End” nella prima parte ha un andamento sinuoso, molto romantico ed evocativo, una canzone davvero spirituale, profonda e meditativa, poi il crescendo l’accomuna un po’ al resto. La malinconia è sicuramente una dominante nella musica degli Anathema e nel brano “The Lost Child” questo aspetto emerge con tutta la sua carica emotiva, che viene enfatizzata dall’ennesimo crescendo con cantato disperato. Ma il brano più spirituale di tutto il disco è quello conclusivo, “Internal Landscapes”, dove la poesia e le spoken words iniziali diventano pane per l’anima.

Lungi da me una critica distruttiva di questo disco, ma da un punto di vista prettamente artistico la band sta girando su se stessa e non riesce a partorire idee nuove. Il disco, stilisticamente parlando, è perfetto, ineccepibile, ma gli Anathema è un bel po’ che fanno dischi che si assomigliano tutti, sembra quasi una ricerca del “crescendo perfetto”, un po’ come facevano certi pittori che continuavano a dipingere lo stesso soggetto tesi alla ricerca di una perfezione stilistica che arrivava dopo anni e anni di ricerca su materia, colori e luce, ma qui siamo nell’ambito della musica e il giudizio è un po’ più severo, indugiare su sonorità troppo ripetitive non è mai considerato un pregio. Il disco isolato dal resto della discografia della band è a tratti di una bellezza commovente, inserito nella discografia (che è il suo posto naturale) perde molto del suo fascino. GB

Altre recensioni: Hindsight; We're Here Because We're Here; Falling Deeper;
Distant Satellites; A Sort of Homecoming

Articoli: Anathema, il vero Prog Metal

Sito Web + Widget


Indietro alla sezione A




Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Art | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | Facebook | MySpace | Born Again |