Rock Impressions

BLUE ÖYSTER CULT + BACKWATER – Live at Z7, Pratteln (CH) 31/07/16
Di Giancarlo Bolther


Konzertfabrik Z7

Potrebbe sembrare strano ma in tanti anni di concerti non mi ero mai recato all’estero per vedere una band, però al cuore non si comanda e non volevo rinunciare al concerto del gruppo a cui sono più affezionato da sempre. Così mi sono organizzato per bene e sono partito per questa avventura. La Svizzera è una strana nazione, una delle più antiche democrazie, fatta da tre popoli e che resiste da secoli alle vicissitudini europee, facendo parte dell’Europa ma in qualche modo restandosene fuori. È stato molto piacevole attraversarla, panorami molti belli con diverse sorprese. Ma la meta era Pratteln, un simpatico borgo in periferia di Basilea.

Lo Z7 (Konzertfabrik) di Pratteln è un locale storico, dove si sono esibiti praticamente tutti i grandi del rock, mi aspettavo qualcosa di imponente, in realtà è solo un capannone industriale come tanti e le vibrazioni sono tutte nella sua storia piuttosto che nel suo aspetto esteriore. Nonostante questo l’emozione era tanta lo stesso. In coda per il concerto c’erano persone di varie parti d’Europa, molti francesi, inglesi e altri ancora. Ovviamente anche qualche italiano.

Backwater live at Z7

Puntuali sono saliti sul palco gli svizzeri Backwater, una band di recente formazione, ma con musicisti che non sembrano di primo pelo. Hanno all’attivo un solo album, pubblicato lo scorso anno. Il loro genere è un hard rock abbastanza classico, che strizza l’occhio al rock sudista dei Molly Hatchet e ZZ Top, ma che ricorda anche formazioni come Ac/Dc e Rose Tattoo. Sound compatto e corposo con un buon gioco d’insieme e una buona resa, anche se il loro repertorio non mi è sembrato particolarmente originale. Alcuni pezzi però mi sono piaciuti parecchio, soprattutto quelli più elaborati. Nel complesso la loro è stata una buona performance, con musicisti che si sono divertiti ad intrattenere un pubblico che in larga parte non li aveva mai sentiti, ma che ha risposto con calore.
Backwater live at Z7
Backwater live at Z7

Dopo il cambio di palco ecco finalmente salire i BOC, che prima del concerto si erano fatti notare fuori dal locale per la gioia dei fans arrivati in anticipo. Senza tanti fronzoli la band ha attaccato con “This Ain’t the Summer of Love”, l’hard rock diretto pompa subito energia e il sound perfetto scalda subito la platea. Con scioltezza passano a “Golden Age of Leather” uno dei loro brani più goliardici, il pubblico canta a squarciagola e tutti quelli che possono alzano il boccale di birra, mentre il gruppo canta a cappella “rise your can of beer…”. Poi arriva “Burnin’ For You” e scorrono emozioni forti. Del resto il pubblico è di quelli che conoscono e amano la band americana.
Blue Oyster Cult live at Z7
Blue Oyster Cult live at Z7

Bloom non ha più la testa ricciuta di un tempo, però indossa ancora con fierezza gli occhiali scuri e la sua voce segnata dal tempo riesce ancora a entusiasmare gli astanti. Roeser non ha più i baffi, ma suona sempre in modo eccezionale, uno dei chitarristi rock più fantasiosi di sempre negli assoli e durante la serata ne regala molti. A questo punto viene celebrato il ricordo del compianto Lanier con due suoi brani “Od’d on Life Itself” e “True Confessions”, difficile non emozionarsi ancora.
Blue Oyster Cult live at Z7
Blue Oyster Cult live at Z7

Castellano e Randino ormai sono perfettamente inseriti nel gruppo da diversi anni e si vede che si trovano bene, in particolare il primo, che ci mette una passione notevole nell’interpretare i brani proposti. Il batterista invece mi è sembrato meno in forma di altre volte. Sulton è un veterano con un notevole passato (Utopia, Meat Loaf, Rundgren), meno scenico di altri che lo hanno preceduto, ma molto tecnico e capace. In particolare mi ha colpito la bellezza di “The Vigil”, un brano che ha avuto la sfortuna di essere sull’album meno riuscito del gruppo, ma che ha una struttura prog di altissima qualità e dal vivo è stato splendido. Con “Then Came the Last Day of May” la band si è lasciata andare a lunghe jam sessions con splendid assoli di Donald e Castellano.
Blue Oyster Cult live at Z7
Blue Oyster Cult live at Z7

Gli encores sono stati tre: “Hot Rails to Hell”, a sorpresa una tellurica “I Like to See You in Black”, davvero devastante e per chiudere l’inno “Cities on Flame With Rock ‘n’ Roll”, poi è arrivato il triste momento dei saluti.
Rispetto alle date a Dublino e Londra la scaletta era notevolmente ridotta, quasi la metà, però il gruppo era impegnato in una serie di date molto fitta e un po’ di stanchezza era preventivabile. Comunque è stato un concerto stupendo, con la band che girava in modo perfetto e la soddisfazione era evidente sul volto di tutti i presenti. Per un gruppo che non incide nuovi dischi da diversi anni è stato davvero bello vedere tante persone così entusiaste.
Blue Oyster Cult live at Z7
Blue Oyster Cult live at Z7
Blue Oyster Cult live at Z7
Blue Oyster Cult live at Z7
Blue Oyster Cult live at Z7
Blue Oyster Cult live at Z7



Per quanto mi riguarda il momento più emozionante è stato quando Donald mi ha chiamato dietro nei camerini e abbiamo finalmente potuto scambiare alcune opinioni. Speriamo di risentire presto parlare del culto dell’ostrica blu. GB

Setlist:
This Ain't the Summer of Love
Golden Age of Leather
Burnin' for You
OD'd on Life Itself
True Confessions
ME 262
Harvest Moon
The Vigil
Lips in the Hills
Then Came the Last Days of May
Godzilla
Buck's Boogie
(Don't Fear) The Reaper

Encore:
Hot Rails to Hell
See You in Black
Cities on Flame With Rock and Roll

Altri Live Report: 2008 Roma; Trezzo 2008

Recensioni: Heaven Forbid;
Curse of the Hidden Mirror; Tyranny + Secret;
A Long Day's Night

Retrospettiva

Interviste: 1998; 2008

Related Artists: Brain Surgeons; Stalk Forrest Group; Blue Coupe; Joe Bouchard; Albert Bouchard

Sito Web Blue Oyster Cult

Sito Web Backwater


Indietro alla pagina dei Live Reportages



Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Art | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | Facebook | MySpace | Born Again |